• Tutto questo casino per risparmiare lo 0.1% delle emissioni mondiali spendendo centinaia di migliaia di franchi per edificio. La nuova legge sul CO2 rende le abitazioni massicciamente più care - il "CECE®Plus" lo dimostra

Tutto questo casino per risparmiare lo 0.1% delle emissioni mondiali spendendo centinaia di migliaia di franchi per edificio. La nuova legge sul CO2 rende le abitazioni massicciamente più care - il "CECE®Plus" lo dimostra

28.05.2021    

I limiti imposti dalla nuova legge sul CO2 per gli edifici, gradualmente inaspriti, rendono il riscaldamento massicciamente più costoso. Nel caso di quattro proprietà analizzate con le certifcazioni energetiche CECE®Plus, i costi delle misure prescritte diventano evidenti alla prossima sostituzione del sistema di riscaldamento. In tutti e quattro i casi, questo porta anche alla ristrutturazione dell'involucro dell'edificio. Nel caso delle proprietà analizzate, i costi - al netto delle sovvenzioni - sono compresi tra 144.000 e 369.000 franchi svizzeri. Sia i proprietari che gli inquilini saranno chiamati a sostenere questi costi.

Nel dibattito che circonda la nuova legge sulla CO2, un fattore è costantemente nascosto. Oltre ai vari aumenti delle tasse sul CO2, sarà introdotto un nuovo valore limite di emissione per gli edifici. Dal 2023, gli edifici residenziali non potranno emettere più di 20 kg CO2/m2a (= metro quadrato di superficie riscaldata) dopo la sostituzione di un bruciatore o di un sistema di riscaldamento. Questo equivale all'incirca alle emissioni di CO2 di 7,6 litri di olio da riscaldamento. In fasi quinquennali, questo limite sarà ridotto di 5 kg di CO2 ogni volta e sarà azzerato dal 2043.

Per raggiungere questi valori massimi legali, sono necessarie misure complesse quando si sostituisce un bruciatore o un sistema di riscaldamento. HEV Svizzera voleva sapere in termini concreti quali sarebbero state le conseguenze di questo nuovo valore limite. A tal fine, ha commissionato un CECE Plus - un certificato energetico ufficiale dell'edificio con rapporto di consulenza - per ognuno dei quattro edifici residenziali.

Costoso in ogni caso - o ancora più costoso!

Le quattro proprietà, tre case unifamiliari (casa 1, casa 2 e casa 3) e un edificio con tre appartamenti (casa plurifamiliare), sono state costruite tra il 1940 e il 1975. Tutte le proprietà sono riscaldate a combustibile fossile e tutte hanno avuto finestre nuove almeno una volta o in parte durante la loro "vita" fino ad oggi.

Per ogni proprietà sono stati calcolati tre scenari di ristrutturazione:

Variante A: Misure per raggiungere il valore limite del 2023 (20 kgCO2/m2a).

Il calore continua ad essere generato utilizzando combustibili fossili.

Variante B: Misure per raggiungere il valore limite nel 2028 (15 kgCO2/m2a).

Il calore continua ad essere generato utilizzando combustibili fossili.

Variante C: sostituzione del sistema di riscaldamento a olio con una pompa di calore aria-acqua e misure per consentire il riscaldamento esclusivamente con questa pompa di calore.

Il sobrio risultato per la variante C (non la più costosa di tutte):

 

 

La pompa di calore è in ogni caso la più economica, ma - contrariamente a quanto si dichiara - non è l'unica voce di costo. In tutti gli edifici, le misure di isolamento necessarie rappresentano la voce di costo maggiore, rappresentando il 62 - 73% dei costi totali - anche quando i singoli componenti edilizi esistenti hanno già valori di isolamento sufficientemente buoni. I costi risultanti sono già al netto dei sussidi previsti. L'oggetto 3, che è già stato parzialmente rinnovato nel 2010, comporterà anche costi aggiuntivi di 144'000 franchi.

Nel caso della casa plurifamiliare, solo il 50% dei costi sono considerati per aumentare il valore dell'immobile. Ciò porta ad un aumento dell'affitto. E anche se le spese di riscaldamento di circa 7.200 franchi scendono di 5.000 franchi a meno di un terzo, dopo aver dedotto questo risparmio per ciascuno dei tre appartamenti di 3½ stanze, il risultato è 126 franchi in più di affitto al mese. Questo conferma la media di 140 franchi al mese indicata in uno studio dell'Ufficio federale dell'energia, perché il tasso d'interesse di riferimento (che all'epoca era tra il 2,25% e il 3% per i singoli progetti) è poi sceso all'1,25%.

In tutti i casi, il calcolo della redditività risulta in perdita netta a quattro o cinque cifre anche dopo 25 anni.

Conclusione:

Coloro che riscaldano con combustibili fossili, ristrutturano e isolano.

La nuova legge sul CO2 non vieta esplicitamente i sistemi di riscaldamento a combustibile fossile. In pratica, però, il nuovo valore limite e la ripida curva di riduzione hanno proprio questo effetto. Essi innescano ulteriori esigenze di investimento quando i sistemi di riscaldamento devono essere sostituiti, o anche solo quando viene sostituito il bruciatore. Questo perché, a differenza delle precedenti leggi cantonali sull'energia, i valori limite non sono decisivi solo quando il sistema di riscaldamento viene sostituito, ma già quando il bruciatore viene semplicemente sostituito.

Quelli che hanno già rinnovato, devono rinnovare e isolare di nuovo

Anche coloro che hanno una casa parzialmente ristrutturata ristruttureranno di nuovo se continueranno a usare combustibili fossili per il riscaldamento. 8 delle 10 proprietà nello studio federale dell'energia ristruttureranno di nuovo la prossima volta che il bruciatore verrà sostituito perché le emissioni di CO2 sono al di sopra dei limiti legali nonostante la ristrutturazione. Gli altri due si rinnovano un po' più tardi (cfr. grafico nell'allegato corrispondente).

Ristrutturare a tappe: non vale la pena

I costi inferiori delle varianti A e B (semplice adattamento ai valori limite) rispetto alla variante C (senza fossili) sono marginali, se esistono.

Impatto immenso

Non meno di tre quarti del totale di 1,6 milioni di edifici residenziali in Svizzera sono interessati dalle misure descritte, con conseguenze sui costi a sei cifre.

HEV Svizzera si impegna a raggiungere gli obiettivi della Strategia energetica 2050. Tuttavia, i nuovi limiti introdotti nella legge sul CO2 costringeranno direttamente i proprietari di immobili a effettuare ristrutturazioni complete degli edifici, anche se si tratta solo di sostituire un impianto di riscaldamento o un bruciatore. Questo porta a considerevoli costi aggiuntivi per gli inquilini e i proprietari di immobili - specialmente nelle regioni rurali e di montagna. Per queste ragioni, HEV Svizzera dice NO a questa legge sul CO2.


Allegati: